Fotografando – Scenari d’Aprile presenta Contemporanea: Cassidy 18 maggio 2017

 

Mi sono preso del tempo. Forse è stato un bene. Passare da un ruolo all’altro senza ragionare non fa bene, anche se ormai è un’abitudine consueta. Ma è stato necessario prendersi qualche giorno di tempo, anche per far incastrare tutti gli impegni. Ho avuto modo di rivedere meglio la mia serie fotografica, quindi di ritenermi abbastanza soddisfatto. C’è una curiosità che voglio confessare: non volevo scrivere di questa serata, non subito. Non va presa per qualcosa di negativo. In realtà volevo tenermi per qualche giorno dentro le emozioni di una serata (compreso il pomeriggio) di cui posso ritenermi soddisfatto.

Andiamo per ordine. Allora Scenari d’Aprile, una piccola associazione culturale, decide di realizzare una rassegna “Contemporanea” all’interno del centro storico di Crotone, con un appuntamento al mese dentro Sala Margherita, una sala dentro una chiesetta sconsacrata di proprietà del Comune di Crotone, che da anni non sa che farci, tranne farla usare a qualche avventuriero. Questa piccola associazione decide di scommetterci pianificando una rassegna mensile, portando alla luce musica, arte visiva, teatro. Ci potrebbe essere di più, ma le risorse scarseggiano, e poi c’è un vicinato, che pur avendo bisogno di tali eventi, non è che sia tanto abituato ad avere la Sala Margherita aperta la sera (però, dai, almeno una volta al mese ci può stare sopportare un po’ di musica o un po’ di teatro).

 

 

Il vicinato va rispettato, certo. Ma la valorizzazione di un posto quasi mai aperto con una serie di eventi permette di alzare un po’ il livello di attenzione, e permettere così una migliore visione dei problemi che perseguitano il centro storico affinché si possa sollecitare una presa di posizione e un’adozione di provvedimenti che possano migliorare quella parte di storia sconosciuta ai più. Perciò è importante sostenere questi eventi, e non andarci contro. Per non restare invisibili.

Allora com’è stato quest’evento?

Nel backstage ho avuto modo di vedere il minifilm di Mauro Nigro intitolato “Una donna con il cervello” (lavoro che è stato proposto poi nella serata), e nell’impossibilità di fotografarlo vi posso dire che il lavoro (personalmente) mi è piaciuto, ma nasconde concetti che solo un pubblico un po’ più colto può capire. Però il lavoro è notevole sotto alcuni aspetti. Magari avrebbe meritato qualche minuto in più, se non altro… No, non lo dico per rispetto del lavoro del regista che ha pieno diritto di esprimere la propria visione nel modo che preferisce, e poi perché è ineducato lanciare “spoiler” di un film di tre minuti. Mi rincuora però che quando il film è stato proiettato, alla fine il pubblico presente ha applaudito.

 

Poi il pezzo forte della serata: il duo dei Cassidy (Mauro Nigro alla voce e chitarra, che poi sarebbe la stessa persona che ha diretto il corto, e Nicola Comerci al basso).

Non sono un patito dei progetti di duo acustico. Spesso e volentieri ho visto troppe timidezze (soprattutto dalle mie parti) che non mi hanno mai fatto apprezzare a pieno la musica. Avviare un duo acustico è apparentemente cosa semplice, ma in realtà richiede maggior energia, maggior feeling con il pubblico, e anche maggior potenza. E poi i concerti devono essere forza di cose un po’ più brevi. Ma il progetto acustico è anche l’ideale per la Sala Margherita, perché il duo acustico ha un suono più dolce rispetto a una band, e perciò l’ascolto, sia dentro che fuori, assume l’aspetto di una bella colonna sonora. Non a caso, il pubblico presente alla fine è rimasto soddisfatto.

Per quanto riguarda i Cassidy, il mio parere è positivo. Il fatto di aver preso in mano la macchina fotografica con una certa energia e voler insistentemente fotografare è già un segno di apprezzamento per qualcosa che io stesso voglio ritrarre in altra occasione. Il suono mi convince, così come il repertorio, e anche il buon livello di feeling tra i due protagonisti della serata acustica. Sono rimasto piacevolmente sorpreso, e commosso dal fatto che poi i Cassidy si son fusi assieme ai Coffea Strange (un altro progetto musicale, i cui membri erano presenti tra il pubblico), e insieme hanno omaggiato Chris Cornell, rendendo la serata più emozionante.

 

Unica pecca: la risposta dei crotonesi (dibattito ormai millenario, dove la chiara risposta è solo continuare a far cultura, senza preoccuparsi dei crotonesi, ma del pubblico). La serata non è stata un flop, sia chiaro. Bene che ci sia, perché ha trasportato dentro quelle persone che non vogliono vivere la festa della Madonna di Capo Colonna (festa clou della città di Crotone), e perciò il fatto di aver proposto nel centro storico un evento del genere ha permesso un’alternativa valida.

 

 

Il bilancio della rassegna “Contemporanea” si può dire abbastanza positivo per quanto riguarda la scelta dei contenuti presentati. Manca adesso l’ultimo appuntamento della rassegna, che sarà totalmente diverso da tutti gli altri.

Vorrei però chiedere una cosa. Ho fotografato tutti gli eventi. Ho verificato il pubblico, che per ogni appuntamento è stato differente, il che va benissimo. Ma non ho visto nessun rappresentante istituzionale anche solo per cinque minuti, se non altro anche per curiosità. Posso capire gli impegni, ma un’iniezione di fiducia almeno… Non si tratta di un attacco o di una critica, ma solo di un chiaro invito per progettare meglio, per prestarsi un po’ d’attenzione, per fare in modo di sentirsi parte della comunità, e poi perché la politica non deve essere indifferente quando un modo di proporre cultura fa solo bene all’immagine di una zona che per anni è rimasta invisibile.

Comunque bilancio positivo… il che va più che bene in un presente come questo…

 

Aurélien Facente, maggio 2017

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...