Ferita (poesia)

Una ferita aperta.

Sangue che sgorga.

Una cascata di color rosso.

Un cuore spezzato.

Un’anima a pezzi.

Un’inutile esistenza.

Una vita senza senso.

Il nulla.

L’abisso.

Tocco il fondo.

Poi non c’è più niente.

Solo l’oblio.

Lo sguardo indietro.

Verso l’alto.

Verso l’uscita.

La sola uscita.

Risalire.

L’unica cosa da fare.

Risalire.

L’unica scelta che mi resta.

Risalire.

La sola opzione.

Oppure resto qui.

Ma è inutile.

Non serve.

Così risalgo.

Fa male.

Molto male.

Rivedo il male.

Combatto il male.

Risalgo.

Non voglio più scendere.

Silenzio.

Concentrazione.

La ferita s’è chiusa.

Aurélien Facente, Marzo 2017 (scritta originariamente su un quaderno nel 2011)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...