La piccola storia di un cuore timoroso

img_4041-copia

 

I

 

Un cuore timoroso cammina per le strade, accompagnato soltanto dalla sua ombra, in una notte oscura e tempestosa. La sua ricerca? Qualcuno di cui fidarsi.

 

II

 

“Cuore timoroso, perché cammini  da solo? E perché ti nascondi?” disse qualcuno nell’ombra, nascosto bene dalla braccia oscure della notte.

“Ho paura”, rispose il cuore timoroso, mostrando alla luce della notte tutta la sua cupezza.

 

Il cuore era fatto di tante minuscole vie che s’incrociavano l’una con l’altra, come se quelle tante stradine fossero in realtà un solo unico flusso di sentimenti. Il cuore aveva paura, perché pensava che quei sentimenti non avrebbero trovato considerazione, lasciando così spazio all’apparenza.

E così si sarebbe sentito più solo di prima.

 

III

 

“Non temere, dolce cuore, io non sono quello che credi. Io sono un poeta, un piccolo poeta, desideroso di scrivere una minuscola poesia. Lascia che mi avvicini, apriti, lasciati trasportare. Tu ed io siamo il re e la regina che camminano insieme per non aver paura di quel che proviamo. Io, senza di te, non so che cosa fare. Ho bisogno di te per amare,” disse il poeta.

Alla fine il cuore sorrise e si aprì al poeta. E lo accompagnò con amore verso una nuova strada.

 

Aurélien Facente, febbraio 2017 (scritta originariamente su un foglio nel 2004)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...