Il silenzio è stato salutare…(9 dicembre 2016, ore 3,20)

img_9450-copia

 

Ogni tanto uno scrittore si deve prendere delle pause. Sì, mi sono preso una pausa. L’ho voluto io, e mi è piaciuto. Le precedenti pause erano dovute a una serie di traumi che mi portavano a lunghe interruzioni. Stavolta me la sono goduta, così come mi sono goduto il silenzio, la solitudine, un certo senso di estraneità, un semplice ritorno alla realtà quotidiana, frequentare un po’ di mondanità, stare con gli amici, ridere, scherzare, darsi un po’ alla pazza gioia, pensare e guardare a me stesso come un uomo che è tornato a vivere.

È stato bello. Molto probabilmente lo rifarò.

Mi godo il silenzio della notte fredda crotonese. Mi perdo nella lettura, e poi magari scrivo. Sono solo nella mia stanza, e ascolto il silenzio. Non è una notte ventosa. C’è solo il silenzio accompagnato dal freddo.

Quindi a letto, con il portatile acceso e le mani che battono sulla tastiera. Scrivo. Ho ripreso il gusto di scrivere, riscrivere, correggere, provocare, raccontare. Scrivo come non mi capitava da tempo.

Certo, qui mi sono preso una pausa.

Ma avevo bisogno di questo silenzio… avevo bisogno di provare a godere di me stesso… di guardare il mio io attraverso uno specchio e poter dire a me stesso: “Bentornato!”

Un po’ vanitoso il discorso, ma adesso mi guardo e anche se mi vedo un po’ sbiadito, alla fine riesco a darmi un sorriso.

Lo sto raccontando… e scrivo… scrivo, per una volta senza pensare a cosa mi aspetterà domani. Un passo alla volta, una parola alla volta… senza aver paura, senza sentirsi male, con un leggero sorriso rivolto al mattino successivo.

La notte può avere effetti insonni, ma il viverla bene… mi mancava tantissimo… L’energia, quell’energia che ti spinge a voler osare… Mi mancava… e anche se ho fatto tante cose in questo periodo… Beh, era il mio io scrittore che mancava, quello che sento più mio, quello che mi aveva suggerito di prendermi una pausa.

E me la sono presa. Perché lo scrittore mi aveva promesso che sarebbe tornato. Infatti, lo sto scrivendo…

Un pensiero su “Il silenzio è stato salutare…(9 dicembre 2016, ore 3,20)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...